Inaugurazione - CENTRO PADRE PINO PUGLISI BOSCO DI BOVALINO (RC)

Vai ai contenuti

Menu principale:

Inaugurazione

Attività > Sport

DISCORSO DI RINGRAZIAMENTO SUOR CAROLINA
INAUGURAZIONE CAMPETTO E PARCO GIOCHI

14 maggio 2009

E' arrivato un altro grande giorno dopo quello dell'inaugurazione del Centro "Padre Puglisi": oggi possiamo benedire questa nuova meravigliosa struttura polisportiva e il grazioso parco giochi "Rebecca" per i più piccoli per questa zona che necessitava da tempo di tali spazi vitali per i giovani. Questo momento di festa lascia a tutti noi un grande messaggio: i sogni si realizzano nella misura in cui ci si crede e vanno a beneficio di tutti! Quando non si realizza per sé tutto diventa grande e vero. Il valore fondamentale per noi che siamo poste per una missione è il credere che la Provvidenza ci precede e ci accompagna così come realmente abbiamo fatto esperienza. Dio si è servito della sensibilità e generosità di molti amici e benefattori che a diversi titoli hanno contribuito alla realizzazione di questo sogno e noi chiediamo a Dio grazie abbondanti per tutti loro.
Un grazie all'attuale Vescovo Padre Giuseppe Fiorini Morosini, dal suo ingresso in questa nostra Diocesi ha dimostrato stima e vicinanza alla nostra attività educativa.
Un ricordo affettuoso e grato va anche a Padre Giancarlo Bregantini che ci ha sostenute dall'inizio di questo sogno.
E' per noi motivo di gioia e di riconoscenza esprimere il nostro grazie a Mons. Luigi Bressan, vescovo di Trento per il grande contributo donato alla Diocesi di Locri - Gerace per l'acquisto del terreno su cui ora sorge la struttura sportiva e il parco giochi.
Un pensiero riconoscente va al Dott. Lorenzo Dellai, presidente della provincia autonoma di Trento, per la sua attenzione al nostro territorio, al Comitato Trentino - Locride che ci sostiene e ci incoraggia, alla signora Laura Bellamoli, presidente dell'Associazione opera Life di Verona per la sua costante generosità.
Ancora un ringraziamento va alla ditta Gallo, al signor Rodolfo Rocca e alla signora Pina per la continua disponibilità generosa, al dott. Francesco Zappavigna, sindaco del Comune di Bovalino e a tutta la giunta che dimostrano stima e riconoscenza.
Un sentito ringraziamento alla Fondazione "Rebecca" dell'America per aver sostenuto le spese del parco giochi, a Don Antony e al Cardinale Cordes che si sono fatti mediazione, a Don Enzo Chiodo e all'ingegnere Metastasio per il loro aiuto tecnico, all'A.FO.R. per le piantine e gli operai messi a disposizione, a Francesco Marzano per la sua opera costante presso di noi, a Sebastiano Nirta per la terra e il brecciolino.
A Bruno Zappia e ai suoi collaboratori un sincero grazie per la loro arte nel produrre le panchine, i cancelli ed alcune giostrine e tutti i lavori di manutenzione delle attrezzature. Siamo inoltre riconoscenti alla Provincia di Prato nella persona dell'Assessore Gorelli, agli amici dell'Associazione "Cieli Aperti", all'Associazione "Filomondo" e a tutti i benefattori che a vario titolo hanno contribuito alla realizzazione di questo nostro sogno.
Infine un ringraziamento caloroso e sentito all'Ing. Giuseppe Armone per la progettazione e la pazienza con cui ha seguito i lavori.

Un grazie per la presenza significativa alle autorità presenti: il Dott. Vincenzo Covato, vice prefetto della Provincia di Reggio Calabria, il dott. Domenico Cersosimo Vice Presidente della Giunta Regionale e il dott. Attilio Tucci, assessore alle politiche sociali della Provincia di Reggio Calabria,
Collaboratori Bruno Zappia:

Fiore Zappia
Pasquale De marco
Sasà Nicita
Antonio Reale
Franco Bennici
Totò Anello
Raimondo Violi
Francesco Amato
Marcello Polifrone
Scuola di Ballo "Voci di Primavera" di Franco Bennici

ANCORA UN SEME DI SPERANZA: INAUGURATA UNA NUOVA STRUTTURA SPORTIVA NELLA LOCRIDE
REALIZZATO UN CAMPETTO POLIFUNZIONALE E UN PARCO GIOCHI A BOSCO DI BOVALINO

Il 14 maggio 2009, a Bosco S. Ippolito, piccola frazione del Comune di Bovalino è stato inaugurato il nuovo campetto polifunzionale "Padre Puglisi" ed il parco giochi "Rebecca", dedicato in particolare ai giovani ed ai bambini del territorio. Questo piccolo paese, sempre più in crescita, in cui le infrastrutture sportive sono totalmente assenti, aveva bisogno di strumenti per lo sviluppo sportivo e creativo dei numerosi giovani e bambini che lo popolano. Ed è proprio per rispondere a questa esigenza che la Fraternità "Buon Samaritano", nella Locride da sette anni, insieme agli animatori del Centro d'aggregazione giovanile "Padre Puglisi", nato sempre a Bosco di Bovalino nel 2005,  ha pensato di creare una struttura che potesse accogliere tutti. La realizzazione di questa nuova realtà è stata possibile grazie alla tenacia di Suor Carolina Iavazzo e all'aiuto di molte persone che attraverso il loro contributo hanno permesso di sostenere le spese particolarmente onerose, in particolare Mons. Luigi Bressan, vescovo di Trento, presente all'inaugurazione, il comitato Trentino - Locride, da anni accanto all'Associazione "Don Pino Puglisi" e rappresentato per l'occasione da Don Rodolfo Pizzolli, Monica e Silvia, la Fondazione americana "Rebecca", che ha sostenuto le spese del parco giochi e tantissimi benefattori che hanno contribuito con le loro donazioni generose. Il giorno dell'inaugurazione, sarà sicuramente ricordato, insieme a quella del nuovo Centro nel 2007, come uno degli eventi più importanti della storia Ippolitese. Un giorno di festa e di ringraziamento preceduto dagli intensi preparativi in cui i protagonisti insieme alle suore e agli animatori, sono stati proprio i ragazzi. La nuova struttura è stata arricchita da cartelloni, striscioni, bandierine, preparati dai ragazzi che frequentano il Centro "Padre Puglisi" e che nei giorni precedenti hanno dedicato le loro energie a rendere più bello il nuovo campetto. Molte le persone che hanno partecipato alla celebrazione prima e ai successivi festeggiamenti, in particolare famiglie e giovani del posto, e non sono mancate le autorità che hanno espresso parole di stima profonda nei confronti di una realtà sempre più grande ed impegnata per il territorio della Locride come il Centro "Padre Puglisi". In particolare erano presenti: il Vescovo di Trento, Mons. Luigi Bressan, il Vescovo di Locri - Gerace, Mons. Fiorini Morosini, il Presidente della Provincia autonoma di Trento, dott. Lorenzo Dellai, il vice - prefetto della Provincia di Reggio Calabria, dott. Vincenzo Covato, l'Assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Reggio Calabria, dott. Attilio Tucci, il sindaco del Comune di Bovalino, dott. Francesco Zappavigna, il sindaco del Comune di San Luca, avv. Mammoliti ed alcuni sacerdoti della Diocesi. Dopo la celebrazione molte iniziative sono state realizzate per intrattenere le persone accorse, Lorena Pascale, una bambina di Bosco ha cantato "Si può dare di più", la scuola di ballo "Voci di Primavera" si è esibita in alcune danze, il campetto è stato inaugurato con un triangolare tra la Bovalinese, un oratorio di Reggio Calabria e i ragazzi del Centro, che ha visto vincere quest'ultimi e infine tutti hanno potuto assaggiare i dolci preparati in un ricchissimo bouffet dalle mamme. Molto emozionante e sentito il discorso di ringraziamento letto da Suor Carolina Iavazzo, presidente dell'Associazione "Don Pino Puglisi" e motore di questa bellissima realtà, che oltre a ringraziare quanti hanno contribuito sia economicamente che attraverso il lavoro quotidiano, ha ricordato e ringraziato Padre GianCarlo Bregantini, attualmente Arcivescovo di Campobasso - Bojano, che da precedente vescovo di Locri ha fortemente voluto ed accompagnato prima la Fraternità "Buon Samaritano", poi il Centro "Padre Puglisi" e ha seguito e appoggiato sempre i lavori di costruzione della nuova area sportiva. Questa nuova struttura, come hanno sottolineato i ragazzi stessi, darà la possibilità di socializzare e di poter giocare senza spostarsi da Bosco o doversi organizzare in maniera fortuita in piazza o per strada. Inoltre come sottolineato da mons. Morosini durante il suo monito ai giovani presenti, il campetto non sarà solo un luogo dove giocare, ma dovrà essere anche e soprattutto un modo per imparare a rispettare le regole necessarie per la vita quotidiana e per il rispetto dell'altro. Dopo la nascita del Centro "Padre Puglisi" che accoglie, durante le sue attività, circa sessanta ragazzi dei comuni di Bovalino, Benestare e San Luca, ancora un altro sogno che si trasforma in segno a Bosco Sant'Ippolito.
I ragazzi del Centro "Padre Puglisi"
Bosco S. Ippolito - Bovalino

Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu